Partiamo dal mezzo...i colori! Parte1

So bene che per progressione logica avrei dovuto iniziare i post sui materiali dagli attrezzi utili alla "costruzione" dei modelli, ma la fase che mi ha sempre entusiasmato e divertito di più è proprio quella della colorazione.
Considerate sempre che quello che dirò di seguito è frutto della mia personale esperienza e dei miei esperimenti nel corso degli anni e sono quindi consigli sempre passabili di vostre modifiche, miglioramenti e soprattutto personalizzazioni!

Cliccate "Read More" qui sotto per leggere l'articolo completo :)

Inizio parlando dei colori anche perchè sconsiglio vivamente ai principianti o ai novizi del modellismo, ansiosi di realizzare il loro primo modello, di buttare letteralmente soldi nell'acquisto di attrezzature per la costruzione avanzata fin dall'inizio della loro carriera: per iniziare vi serve solo un taglierino affilato, una lima e un tubetto di colla cianoacrilica.
Parlerò in seguito di queste attrezzature di cui progressivamente e naturalmente sentirete il crescente bisogno per far coincidere idee e progetti sempre più complessi alla realtà!

Quello su cui invece non si può e non si deve risparmiare sono i colori e i pennelli.
Va considerato infatti che che è proprio il momento della pittura che di solito richiede il maggior investimento finanziario (eccezion fatta per il modello in sè...) ed è quindi bene conoscere i fondamentali per non sprecare tempo, frustrazione e denaro.

Facciamo anzitutto una piccola, ma sempre utile digressione tecnica.
I colori che esistono in commercio sono venduti in molteplici "forme" e formulazioni: tempere, a cera, a olio, acrilici ... e possono trovarsi liquidi o semiliquidi, pastosi e solidi ... in tubetto, barattolo ...
In raltà le diverse tipologie nascono tutte, come principio generale, dall'unione del pigmento di colore a un "medium" specifico per ogni tipo di colore.
I pigmenti sono polveri di colore più o meno fini e raffinate usate non solo industrialmente per la produzione dei colori, ma anche da pittori professionisti per creare nuove tonalità e in campo modellistico sono utiliti per creare moltissimi, stupefacenti effetti sui nostri modelli (farò presto un post anche sul complesso uso dei pigmenti).

Nel modellismo di ogni genere si usano fondamentalmente tre tipi di colori:
acrilici, olii, smalti, pigmenti (anche nella forma "gessetto").

Più specificatamente (anche se in modo molto schematico; nella relatà è tutto intercambiabile a seconda degli effetti che desiderate ottenere):
-il modellismo da wargames utilizza quasi esclusivamente acrilici, un po' anche per colpa della Games Workshop che vuol far credere che gli acrilici (e specialmente i suoi...) siano l'unico colore esistente/adatto allo scopo... Con gli acrilici comunque sulla piccola scala si riesce a fare un po' tutto, anche se spesso un uso sapiente degli smalti e degli olii (che non rendono però tantissimo sulla piccola scala se non li si sa usare davvero bene) sarebbe utile e di grande effetto.

-il modellismo militare sfrutta ampiamente tutte queste formulazioni essendo molto votato al realismo e al weathering ottenuti grazie a un uso sapiente di olii e pigmenti.

-Il modellismo mecha/gundamico si spacca invece in due: se volete il realismo ricadrete allora nell'uso del colore da militaristi, se invece desiderate i toni superpuliti e lucenti tipici dei gundam del Sol Levante userete prevalentemente acrilici con qualche tecnica a smalto.

A presto!
NJM

No comments:

Post a Comment